“Basta scempi, montagna sostenibile”

Home / Politics / “Basta scempi, montagna sostenibile”

La Colomba – Dibattito a La Villa. Michil Costa: “Non ci serve il turismo usa e getta”

Verdi, tour al via: no ai 170 cannoni da neve sotto il Catinaccio

 Alcune decine di persone fra cui importanti rappresentanti delle banche e dell’industria turistica hanno partecipato ieri pomeriggio alla Casa della cultura di La villa alla prima tappa el tour elettorale dei candidati dei Verdi-Bürgerliste civiche Michil Costa ed Herbert Prinoth. Due dei candidati ladini di punta della lista capeggiata da Riccardo Dello Sbarba hanno presentato il proprio programma elettorale e risposto alle domande dei presenti, non tutte raccomodanti nei confronti del partito della colomba della pace.
Il messaggio dei Verdi-Bürgerliste civiche è stato presentato in circa 40 minuti di discorso. Il capolista e presidente del consiglio provinciale Riccardo Dello Sbarba ha parlato del programma e dei motivi dell’unione fra Verdi e Liste civiche. L’accento è stato posto sui problemi dovuti all’eccessiva industrializzazione della montagna e all’inquinamento atmosferico e acustico, con particolare riferimento ai cannoni da neve. “Sotto il Catinaccio si sta per compiere l’ennesimo scempio – ha attaccato Dello Sbarba – e uno dei più gravi, perché si vuole portare l’industria del turismo con 170 cannoni da neve sotto un patrimonio dell’umanità come il Catinaccio. Noi come sempre ci opporremo a questo che è un altro passo della distruzione di ciò che di bello ha da offrire la nostra provincia”.
La difesa della vacanza in Alto Adige come esperienza di vita diversa e la proposizione di un turismo responsabile sono stati i capisaldi anche degli interventi di Costa e Prinoth, che hanno anche posto l’accento sulle esigenze delle minoranze ladine. Costa, albergatore di Corvara, ha promesso di portare avanti, se eletto, le istanze delle comunità ladina: “Chiederò più finanziamenti alla scuola ladina e alle unioni ladina”. Ha anche promesso di “ridurre le agevolazioni agli alberghi a quattro stelle (lui ne possiede uno, ndr)”, oltreché “rafforzare la parte ladina della Rai regionale”. Prinoth ha puntato l’accento sull’aeroporto, sostenendo che non è necessario ampliarlo perché “il turismo regionale può fare a meno di quel tipo di pubblico”. Su questo punto concorda Costa: “Alcuni studi hanno dimostrato che il turismo dei voli ‘low cost’ è diverso dal tipo di turismo che stiamo cercando in queste valli”.
Nel dibattito che ne è seguito non sono mancati i riferimenti ai temi nazionali. Un albergatore locale ha criticato le politiche nazionali dei Verdi dicendosi spaventato da “un partito che anche a livello provinciale ha una politica del no”. È stato anche chiesto cosa farebbero i Verdi in caso di Svp senza maggioranza assoluta. Dello Sbarba ha invitato a non “disperdere i voti per evitare che la Stella Alpina abbia la maggioranza dei consiglieri anche con il 48 o il 49 % dei voti”. Il capolista ha anche ricordato: “In quel caso ci potrebbe essere una diversa e più ampia rappresentanza di assessori provinciali ladini”. Il tour prosegue oggi con un’iniziativa all’Alpe di Siusi.

Damiano Vezzosi, Corriere dell’Alto Adige, 21.09.2008

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: