26 Maggio 2020

Più perché e meno cosa

Di michilcosta

Inizio con una citazione dello studioso di comunicazione degli anni 50, Edward L. Bernays: “Public relations begins at home”. Riusciamo solo a comunicare all’esterno quel che effettivamente viene anche praticato all’interno.

Pensiamo ai nostri collaboratori. Un collaboratore bene informato si sente più integrato, più partecipe, più coinvolto. I collaboratori sono i comunicatori più onesti, faranno un’ottima promozione dentro e fuori casa se si trovano bene, ma ti volteranno le spalle se si sono trovati male. Dalla comunicazione all’organizzazione, dalla tutela della salute alla promozione e crescita del collaboratore, sono tutti aspetti importantissimi, ma soprattutto: la nuova generazione avverte il bisogno di trasparenza e possibilità di interloquire con i vertici, questo è un dato di fatto. Non semplicissimo da mettere in pratica, perché anche i collaboratori devono essere prima spronati e poi educati ad avere un diretto contatto con i dirigenti aziendali.

Il processo che abbiamo iniziato nelle nostre case va senz’ altro nella giusta direzione, con l’ufficio delle Relazioni Umane che segue i collaboratori nella loro crescita professionale ma anche umana, incentivando il dialogo tra i reparti, tra i livelli di organigramma. Solo seguendo i nostri collaboratori con costanza, dando loro il valore che meritano, riusciremo a farli diventare comunicatori onesti, e saranno la nostra forza più grande.

È vero che in questo momento noi operatori turistici dobbiamo concentrarci sul ripartire riformandoci e sul fare bene i conti, ma è anche vero che mai un pensiero prima d’ora è stato più azzeccato: è più importante il why del what. Non cosa facciamo, ma perché lo facciamo. Solo un alto grado di consapevolezza può orientarci in questo futuro incerto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.